Domenica, Dicembre 26, 2010

● Il disegno

Il disegno

Riceviamo una segnalazione che ci consente di chiudere il cerchio con i problemi politici, di partiti o movimenti, ereditati dall’ultima tornata elettorale o congressuale che sia: prendiamo atto che, dopo questa denuncia, nell’attuale scacchiere politico nazionale pare proprio che non si salvi più nessuno.

I fatti. Dopo l’exploit del MoVimento Cinque Stelle di Beppe Grillo in Emilia Romagna, che ha raggiunto un ragguardevole 7%, doppiando la media delle regioni italiane nelle quali comunque le liste “grilline” sono risultate ben piazzate, è salita la tensione tra le anime del movimento fondato da Grillo in seguito alla contesa sull’assegnazione della poltrona per il secondo consigliere regionale spettante alla lista, oltre a quella del candidato presidente Giovanni Favia.

I grillini, attraverso le secondarie hanno designato il candidato bolognese Andrea Defranceschi quale secondo consigliere regionale, al fianco di Giovanni Favia. Una scelta che ha fatto partire da Modena una lettera direttamente a Beppe Grillo. Una lettera non certo di esultanza.
A scrivere a Grillo è, infatti, Vittorio Ballestrazzi, capogruppo al Comune di Modena del Movimento Cinque Stelle, il quale, senza mezze misure, lo esorta ad intervenire: “Beppe – scrive Ballestrazzi riferendosi personalmente a Grillo – ti chiediamo di intervenire, perché i princìpi cardine del movimento siano preservati“.

La preoccupazione e le critiche di Ballestrazzi sono chiarite nella nota che accompagna la lettera, dove il capogruppo modenese afferma che dopo le elezioni, tra i grillini emiliano-romagnoli “è successo l’inimmaginabile”. La spaccatura è talmente grave che Ballestrazzi non esita a diffondere una registrazione audio in cui Favia, il 2 gennaio, si esprimeva sul consigliere di Modena. Nella lettera Ballestrazzi parla di “grave ingiustizia elettorale dettata dalla convenienza: se fosse realizzata – spiega – il movimento morirebbe ancor prima di nascere”. Il grillino modenese ripercorre le tappe che hanno portato all’elezione di due consiglieri regionali e poi alle secondarie (decise da Favia, “non sentendosela di scegliere”) per l’individuazione del secondo nome. “Con quel meccanismo, a totale dispregio dei voti dei cittadini- scrive Ballestrazzi- non si tiene conto della volontà elettorale”.

Spiega infatti a Grillo l’attivista modenese: “Buon senso, pari opportunità, democrazia e logica vogliono che il seggio di Modena vada a Sandra Poppi, avendo quest’ultima quasi il doppio delle preferenze di De Franceschi a Bologna”. Eppure, continua la missiva, “potrebbe non andare così, perché 40 imprevisti grandi elettori del movimento vengono anteposti a 1.093 preferenze di singoli cittadini (per non parlare di quelle di Favia)”.
“Si è anche detto – continua a spiegare Ballestrazzi – che noi di Modena non siamo affidabili, perché siamo divisi in almeno due gruppi per problemi interni. Tuttavia, a parte che questo non c’entra nulla con il voto espresso dagli elettori e non può essere usato come metro per valutare le loro preferenze, quali altre province non hanno problemi interni, più o meno risolte con scissioni ed epurazioni?”.

L’audio con la voce di Favia, registrata a quanto spiega Ballestrazzi nel corso di un tavolo tecnico svolto a Bologna prima delle elezioni, si inserisce in questo contesto in quanto, proprio il candidato bolognese, già consigliere comunale, afferma che, in caso di un “ottimo risultato” (come poi in effetti è stato), “Modena è probabilmente la città che farà il secondo consigliere”, dice Favia nella registrazione, invitando i due gruppi modenesi che non vanno d’accordo, “a ritrovarsi e magari a decidere su due persone su cui puntare”, poi, conclude Favia, “il voto più democratico, che coinvolge tutto il popolo dei grillini della provincia di Modena, è quello delle preferenze nella lista provinciale ed è lì che si possono misurare i due gruppi”.
Ballestrazzi commenta nella nota: “E’ a quella dichiarazione, a cui abbiamo creduto, che abbiamo fatto riferimento per impegnarci al 200% per il movimento in questa campagna elettorale coinvolgente e con un risultato eclatante- sottolinea il grillino modenese- poi è successo l’inimmaginabile”.

Dichiarazioni che hanno fatto partire una serie di attacchi nei confronti di Ballestrazzi, prima scaricato dal Movimento Cinque Stelle di Modena, e poi dallo stesso Favia: “Ballestrazzi può sempre tornarsene da dov’è venuto, cioè un partito”. (cfr. bolognanotizie.com)

Per concludere, guardatevi questi video e poi ditemi se non si tratta del solito metodo, trito e ritrito, che i partiti usano da sempre per far passare come prodotto di un percorso democratico un disegno realizzato, a priori, a tavolino.

A volte è sufficiente concordare le cose prima. In alternativa sarebbe consigliabile non avere in mente uno specifico disegno, soprattutto perché potrebbe non realizzarsi. E allora, cercare di far rientrare un risultato diverso nel disegno originale, facendo passare per democratica tutta la procedura pilotata che ne consegue, produce inevitabilmente spaccature.

Non sono da sottovalutare queste crepe, perché da lì poi si parte verso la rottura finale. E l’IDV ne sa qualcosa.

Le tecniche utilizzate da Favia & Co. in Emilia Romagna sembrano tratte dal manuale in uso presso tutti i partiti italiani, e questo fa sì che la ferita, se non ricucita, possa diventare mortale, perché il distinguo dai partiti era uno dei punti forti del messaggio di Grillo.
La prova che l’infezione - non curata - si stia propagando l’abbiamo qui, ma soprattutto qui, dove un neonato movimento si ripropone di raccogliere tutti i feriti del MoVimento Cinque Stelle per incominciare una nuova avventura. Un po’ quello che sta accadendo nel PD e nell’IDV con i rispettivi rottamatori.

Che fare dunque a sette mesi dal fattaccio? L’unica soluzione è rimediare, e non far passare il tutto come un incidente di percorso da dimenticare: Andrea De Franceschi si deve dimettere, Vittorio Ballestrazzi va reintegrato e Sandra Poppi va risarcita. Solo così la ferita si potrebbe rimarginare, e la credibilità ritornare a cinque stelle.


Wikio

JusPrimaeNoctis on Facebook
Vai su

Area amministrazione